TOP

La ricetta della Zuppa di cozze napoletana di Antonia



ricetta della Zuppa di cozze napoletana

Questa  ricetta della Zuppa di cozze napoletana di Antonia è una ricetta che i napoletani conoscono bene, oltre che in pizzerie e ristoranti è servita in locali specializzati per questo piatto. Si mangia tutto l’anno ma è d’obbligo il giovedì o venerdì santo, è un po’ lunga da preparare ma vale la pena farla.

La ricetta della Zuppa di cozze napoletana

Ingredienti
Per 5 persone
1 polpo verace da 1,5 kg
1,5 kg.di cozze
freselle
olio piccante

 

La prima cosa è fare l’olio piccante  che si può preparare anche giorni prima.
Per ogni 1/2 lt. di olio occorrono 3 spicchi d’aglio e 150 gr.di concentrato piccante: mettere in un pentolino l’olio con l’aglio schiacciato al bollore e  unire il concentrato di pomodoro. Abbassare la fiamma e far cuocere mescolando ogni tanto fino a quando l’olio non sale tutto in superfice e rimane tutto il concentrato sul fondo. A questo punto filtrare e versare in una bottiglia o in un barattolo, dove puòconserva per mesi.

Lessare il polpo facendolo cuocere 20 minuti  da quando l’acqua bolle. A questo punto spegnete e lasciate raffreddare nell’acqua di cottura.
Non buttate l’acqua perchè servirà in seguito.
Quando il polpo è freddo tagliarlo a pezzetti metterlo in una ciotola, condirlo con l’olio piccante e tenere da parte.
Pulire bene le cozze e cuocerle stando attenti a non cuocerle troppo.

Portare a bollore una parte dell’acqua del polpo unita ad una parte dell’acqua delle cozze, aiutandosi con mestolo forato.

Bagnare le freselle, metterle nel piatto e condire con l’olio piccante. Distribuire le cozze,  il polpo e aggiungere altro olio piccante.

 

 Allora, vi è piaciuto quello che abbiamo scritto? Se sì, condividetelo nei vostri social… ci renderete felici!
E se avete bisogno di aiuto, ricordatevi che la pagina Facebook Scatti Golosi e Gennarino.org è a vostra disposizione: scriveteci un messaggio nella pagina e vi aiuteremo prima possibile!
Grazie a tutti!

Teresa De Masi

Perché anche in cucina non si smette mai di imparare, di crescere e - soprattutto - di meravigliarsi.

«

»

what do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.