Uova crude e salmonella: siete sicuri di conoscere bene i pericoli?



 uova e salmonella

 

Le uova che compriamo al super, sono sicure?

In fatto di uova, non è sufficiente saper leggere i codici stampati sui gusci ma occorre tenere in mente che  anche  se state comprando uova al super NON STATE COMPRANDO UOVA PASTORIZZATE, ma solo uova *pulite*. I rischi legati alla salmonella quindi, almeno in teoria, ci sono tutti ed è necessario porre la massima attenzione nel modo in cui queste vengono trattate e consumate.

Innanzitutto, partite dal presupposto che se intendete utilizzarle crude è bene che le uova siano freschissime. Il rischio di contrarre la Salmonella mangiando uova potrebbe aumentare quando la  la data riportata sull’involucro viene stata superata. È questo il parere scientifico diffuso dall’Efsa ( Autorità per la sicurezza alimentare europea) in risposta ad una richiesta dalla Commissione Europea, che aveva espresso l’intenzione di ridurre lo spreco alimentare, modificando l’intervallo di validità di alcuni prodotti alimentari.

Se avete uova in frigo da un po’, quindi, fatele sode oppure gustale in frittata o come vi pare ma non consumatele crude (nemmeno in parte, tipo occhio di bue o susciello o purgatorio). Il tempo e la temperatura sono infatti fattori che aumentano il rischio di salmonella: questo  aumenta con il passare dei giorni  perché la membrana dell’uovo si deteriora e la Salmonella trova le sostanze nutritive necessarie per crescere e replicarsi.

Per preparare il tiramisù – che io comunque preferisco preparare con la pâte à bombe – o la maionese esistono in commercio uova freschissime (extra fresche), che sono vendute entro una settimana dalla deposizione. I piatti preparati con uova crude vanno inoltre conservati sempre in frigorifero e consumati al più presto. Infine, se in famiglia avete persone anziane o bambini piccoli, oppure è estate e volete essere estremamente sicuri, potete utilizzare  uova pastorizzate (che al super si trovano in vendita in brick).

uova crude e salmonella

Uova crude e salmonella: prevenzione

L’utilizzo delle uova crude richiede alcune attenzioni, anche se va detto che le uova deposte da animali sani sono internamente sterili. Grazie al guscio e alle altre difese naturali che l’uovo fresco possiede, il rischio di trovare germi patogeni (es. salmonella) all’interno è praticamente nullo.
La contaminazione può però arrivare dall’esterno, dalla superficie del guscio eventualmente imbrattata da residui fecali.

Precauzioni necessarie sono quindi quelle di :
– lavarsi sempre le mani dopo aver toccato dei gusci, specie prima di toccare altri alimenti,
– allontanare immediatamente i gusci dagli spazi di lavoro, in modo che non possano venire a contatto con gli altri alimenti.

Inoltre valgono le regole di igiene classica, quelle di cui abbiamo parlato anche a proposito del pollo crudo. E cioè:

  • pulire bene tutti gli utensili usati per trattare alimenti crudi;
  • lavare le mani prima, durante e dopo la preparazione degli alimenti
  • refrigerare gli alimenti preparati in piccoli contenitori, in modo da garantire un rapido abbattimento della temperatura



Ti è piaciuto questo post? Facci sapere quanto, dandoci un voto attraverso le stelle che trovi qui sotto. E se hai domande o argomenti da approfondire, faccelo sapere nei commenti: saremo felici di darti le risposte che cerchi in nuovi post dedicati.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessuno ha votato sinora... sii il primo!)
Loading...

2 Comments

  1. Avatar

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.