Gennarino.org ringrazia tutti gli utenti che hanno dato fiducia al nostro progetto per quasi 20 anni, e che, grazie al grande lavoro fatto da tutto lo Staff (rigorosamente a titolo gratuito), hanno portato il forum a diventare uno dei principali punto di riferimento degli appassionati di cucina del web italiano.
Purtroppo, causa motivi personali, non ho più modo di gestirlo e portarlo avanti. Il forum viene ora posto in uno stato di sola lettura: un archivio storico che permetta a chiunque di fruire di tutte le discussioni trattate.

Così non può funzionare

Una Cucina Grande, dove stare in tanti a parlare di tutto.
Regole del forum
Prima di cominciare a scrivere messaggi in questo forum, vi consigliamo di seguirlo silenziosamente (continua)

Così non può funzionare

Messaggioda ogb » 03/12/2006, 14:10

Avevamo deciso di fare il Mécoulen (dolce tipico della valle di Cogne) ed abbiamo seguito la ricetta riportata di seguito (presente su ben 2 libri di cucina tipica della Valle d'Aosta ma pubblicati fuori valle) ottenendo, come temevamo, un impasto liquido che potrebbe andar bene, al massimo, per dei blini.
Secondo voi come si possono riequilibrare le proporzioni? Tenendo presente che il Mécoulen che assagereste a Cogne è un pane dolce piuttosto compatto. Non ha la consistenza ne della brioche ne del panettone.

250 gr. di farina tipo "00"
250 gr. di latte
50 gr. di panna
2 uova
125 gr. di zucchero
100 gr. di uva sultanina
25 gr. di burro
25 gr. di olio evo
12 ge. di lievito di birra
1 tazzina di rum
1 limone fresco
sale

:shock:
Non mi fido dei cammelli, come di chiunque possa stare un’ intera settimana senza bere. (Joe E. Brown)
Avatar utente
ogb
 
Messaggi: 421
Iscritto il: 07/01/2006, 11:43
Località: Saint Christophe, AO

Ti è stata utile questa discussione? Allora puoi ringraziarci condividendola sulle tue pagine social

In questo modo, ci aiuterai ad aumentare la popolarità di gennarino.org! Grazie! Condividi su Facebook

Re: Così non può funzionare

Messaggioda ciccioformaggio » 03/12/2006, 14:30

ogb ha scritto:Avevamo deciso di fare il Mécoulen (dolce tipico della valle di Cogne) ed abbiamo seguito la ricetta riportata di seguito (presente su ben 2 libri di cucina tipica della Valle d'Aosta ma pubblicati fuori valle) ottenendo, come temevamo, un impasto liquido che potrebbe andar bene, al massimo, per dei blini.
Secondo voi come si possono riequilibrare le proporzioni? Tenendo presente che il Mécoulen che assagereste a Cogne è un pane dolce piuttosto compatto. Non ha la consistenza ne della brioche ne del panettone.

250 gr. di farina tipo "00"
250 gr. di latte
50 gr. di panna
2 uova
125 gr. di zucchero
100 gr. di uva sultanina
25 gr. di burro
25 gr. di olio evo
12 ge. di lievito di birra
1 tazzina di rum
1 limone fresco
sale

:shock:

Non fidarti troppo dei libri di cucina, molte volte è la stessa ricetta che gira di pubblicazione in pubblicazione per cui un errore tende a diffondersi su più fonti traendo in inganno sulla bontà della ricetta.
A me sembra una ricetta improponibile per qualunque tipo di pane, tra latte, uova, panna, limone e rum hai circa 500 gr di liquidi per 250 gr di farina, ovvero una pastella molto liquida, se poi ci metti anche il burro e l'olio di oliva hai un blob più grasso ma ancora più fluido :grin:
Io toglierei tutto il latte, ma comunque ti verrà un impasto molto molle.
Ciccioformaggio
ciccioformaggio
 
Messaggi: 736
Iscritto il: 12/05/2002, 19:44
Località: Salerno

Re: Così non può funzionare

Messaggioda zuppa » 03/12/2006, 14:37

ciccioformaggio ha scritto: hai un blob più grasso ma ancora più fluido


:grin: Una scossa e prende vita! :grin:
Avatar utente
zuppa
 
Messaggi: 1217
Iscritto il: 10/11/2006, 17:50

Re: Così non può funzionare

Messaggioda ogb » 03/12/2006, 15:28

ciccioformaggio ha scritto:
Io toglierei tutto il latte, ma comunque ti verrà un impasto molto molle.


Noi pensavamo di ridurlo a 100 ml, giusto per scioglierci il lievito. Resterebbe però da aumentare le proporzioni di farina. L'onere della perigliosa sperimentazione spetta ovviamente a noi, ma cosa suggerite?
Non mi fido dei cammelli, come di chiunque possa stare un’ intera settimana senza bere. (Joe E. Brown)
Avatar utente
ogb
 
Messaggi: 421
Iscritto il: 07/01/2006, 11:43
Località: Saint Christophe, AO

Re: Così non può funzionare

Messaggioda ciccioformaggio » 05/12/2006, 9:32

ogb ha scritto:Noi pensavamo di ridurlo a 100 ml, giusto per scioglierci il lievito. Resterebbe però da aumentare le proporzioni di farina. L'onere della perigliosa sperimentazione spetta ovviamente a noi, ma cosa suggerite?

Non e' scritto nella bibbia "sciogliere prima il lievito". :grin: Basta impastare bene il tutto (farina, uova, zucchero, panna e lievito).
Se proprio vuoi un poco di liquidi in piu' sostituisci la panna con il latte, perdi un poco di grassi e apporti un poco di liquido in più.
Ciccioformaggio
ciccioformaggio
 
Messaggi: 736
Iscritto il: 12/05/2002, 19:44
Località: Salerno

Messaggioda ogb » 05/12/2006, 20:11

Guardandola bene e, togliendo il latte, trasformando la panna in burro, sembra una brioche francese 8)
Forse per venerdì ci arriva una nuova ricetta e questa volta non da un libro :grin: altrimenti proveremo la ricetta della brioche però con 75% latte e 25% burro al posto di tutto burro e naturalmente con l'uva passa che potrebbe essere ridotta della metà, Che ne dici? :cool:

Naturalmente anche il lievito mi sembra ecessivo 6/8 gr: per 250 di farina possono bastare?
Non mi fido dei cammelli, come di chiunque possa stare un’ intera settimana senza bere. (Joe E. Brown)
Avatar utente
ogb
 
Messaggi: 421
Iscritto il: 07/01/2006, 11:43
Località: Saint Christophe, AO

Re: Così non può funzionare

Messaggioda Gic » 06/12/2006, 16:08

ogb ha scritto:Avevamo deciso di fare il Mécoulen (dolce tipico della valle di Cogne) ed abbiamo seguito la ricetta riportata di seguito (presente su ben 2 libri di cucina tipica della Valle d'Aosta ma pubblicati fuori valle)...

Nel mio testo di riferimento (*) c'è questa ricetta:

farina
latte 165 ml
panna 35 gr
1 uovo intero e 1 tuorlo
zucchero 85 gr
uvetta 70 gr
burro 15 gr
olio 30 ml
lievito di birra 8 gr
rum per l'ammollo dell'uvetta
buccia grattugiata di 1 limone
sale

Macerare l'uvetta nel rum per 2-3 ore. In una ciotola capiente sbriciolare il lievito con poca farina. A parte riscaldare il latte con tutti gli altri ingredienti, versarlo sul lievito e impastare con la farina fino ad ottenere un impasto consistente. Coprire con un tovagliolo e far lievitare per 12 ore, finchè abbia raddoppiato abbondantemente il suo volume. Lavorare l'impasto con ancora un po' di farina, formare il pane e cuocere in forno a legna per un'ora.
Il Mecoulen è definito pane dolce, in patois (?) pain sucré...
Serve?

(*)
AA.VV.
Cucina di tradizione della Valle d'Aosta
Priuli & Verlucca, Editori in Pavone Canavese, TO
2003, Tipografia Valdostana, AO
ISBN 88-8068-231-8
Ultima modifica di Gic il 06/12/2006, 19:27, modificato 1 volta in totale.
Gic
 
Messaggi: 3711
Iscritto il: 06/05/2002, 21:15

Messaggioda ciccioformaggio » 06/12/2006, 16:30

ogb ha scritto:Naturalmente anche il lievito mi sembra ecessivo 6/8 gr: per 250 di farina possono bastare?

Credo di no, in val d'aosta a dicembre, dovresti lavorare con almeno il 5-7 % di lievito rispetto alla farina.
La ricetta postata da gic non porta il quantitativo di farina, cioe' devi aggiungere farina fino ad avere la giusta consistenza, ci vuole l'esperienza tramandata dalla tradizione per fare questo dolce, altrimenti devi lavorare per approssimazione.
Ciccioformaggio
ciccioformaggio
 
Messaggi: 736
Iscritto il: 12/05/2002, 19:44
Località: Salerno

Messaggioda Gic » 06/12/2006, 16:33

ciccioformaggio ha scritto:La ricetta postata da gic non porta il quantitativo di farina...

Infatti. Questo mi ha portato a pensare che, forse, ci troviamo di fronte ad una ricetta valida...
:D
Gic
 
Messaggi: 3711
Iscritto il: 06/05/2002, 21:15

Messaggioda ogb » 06/12/2006, 19:20

Nella ricetta di Gic (insomma chiamiamola così per semplicità) non ci sono nemmeno le uova che mi sembra più consono perr un pane. L'unico dubbio mi viene dal versare tutti gli ingredienti ricchi sul lievitino e la farina dopo.
Visto che si parla di 245 gr di liquidi (burro compreso) io metterei almeno 300 gr di farina assieme al lievitino e poi iliquidi e eventuali aggiunte di farina dopo. Che ne dite?
Non mi fido dei cammelli, come di chiunque possa stare un’ intera settimana senza bere. (Joe E. Brown)
Avatar utente
ogb
 
Messaggi: 421
Iscritto il: 07/01/2006, 11:43
Località: Saint Christophe, AO

Messaggioda Gic » 06/12/2006, 19:25

ogb ha scritto:Nella ricetta di Gic (insomma chiamiamola così per semplicità) non ci sono nemmeno le uova...

scusa, scusa, scusa! c'è un uovo intero e un tuorlo! m'è scappato ricopiando. scusa ancora!
:D
Gic
 
Messaggi: 3711
Iscritto il: 06/05/2002, 21:15

Messaggioda ogb » 06/12/2006, 19:30

:D
Mannaggia mi tocca aspettare fino a giovedì sera per provare :-/
Non mi fido dei cammelli, come di chiunque possa stare un’ intera settimana senza bere. (Joe E. Brown)
Avatar utente
ogb
 
Messaggi: 421
Iscritto il: 07/01/2006, 11:43
Località: Saint Christophe, AO

Messaggioda ogb » 08/12/2006, 18:04

Fatto! :x :x :x :x :x

Immagine

Per dare un'idea delle dimensioni ho messo il primo oggetto che mi è capitato tra le mani 8)

Immagine

Grazie Ciccioformaggio, grazie Gic. :cool:

La ricetta la metterò dove ha da essere se no Trizzi mi sgrida 8-)
Non mi fido dei cammelli, come di chiunque possa stare un’ intera settimana senza bere. (Joe E. Brown)
Avatar utente
ogb
 
Messaggi: 421
Iscritto il: 07/01/2006, 11:43
Località: Saint Christophe, AO

Messaggioda Gic » 08/12/2006, 18:15

ogb ha scritto:Fatto! :x :x :x :x :x

Belli!
:D
/gradito particolare dell'etichetta per gli astemi meridionali...
Gic
 
Messaggi: 3711
Iscritto il: 06/05/2002, 21:15

Messaggioda ogb » 08/12/2006, 18:32

Gic ha scritto:gradito particolare dell'etichetta per gli astemi meridionali...


Vin blanc de Morgex et de la Salle di Vevey Marziano

Credo che goda del titolo di vino più alto d'Europa, alcune vigne sono sopra 1200 metri sul livello del mare. E' piacevolmente verde di sapore e di colore, è stato uno dei vini di ghiaccio (aisuain) antelitteram, perchè, sovente le gelate arrivano prima della vendemmia. Cioè, quando ancora gelava 8O
Non mi fido dei cammelli, come di chiunque possa stare un’ intera settimana senza bere. (Joe E. Brown)
Avatar utente
ogb
 
Messaggi: 421
Iscritto il: 07/01/2006, 11:43
Località: Saint Christophe, AO


Torna a Discorsi in Cucina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 6 ospiti

by Scatti Golosi

La redazione di questo forum è costituita anche da diversi blog che ne condividono il progetto, e cioè:
buzzoole code