Gennarino.org ringrazia tutti gli utenti che hanno dato fiducia al nostro progetto per quasi 20 anni, e che, grazie al grande lavoro fatto da tutto lo Staff (rigorosamente a titolo gratuito), hanno portato il forum a diventare uno dei principali punto di riferimento degli appassionati di cucina del web italiano.
Purtroppo, causa motivi personali, non ho più modo di gestirlo e portarlo avanti. Il forum viene ora posto in uno stato di sola lettura: un archivio storico che permetta a chiunque di fruire di tutte le discussioni trattate.

Galantina di pollo con gelatina

L'angolo della tradizione: ricette, ingredienti, modalità di cottura, aneddoti e tutto quello che vorrete raccontare sulle tradizioni nostre e di altri paesi.
Regole del forum
Prima di cominciare a scrivere messaggi in questo forum, vi consigliamo di seguirlo silenziosamente (continua)

Galantina di pollo con gelatina

Messaggioda salutistagolosa » 01/01/2011, 17:20

sezione.JPG
sezione.JPG (159.4 KiB) Osservato 18016 volte

Da tempo immemore e' il pezzo forte del pranzo di S. Stefano - credo sia di origine marchigiana, ma la tradizione di casa mia viene dal lato abruzzese della famiglia. Si tratta di un pollo disossato, farcito e lessato, che si mangia freddo accompagnato dalla "sua gelatina". Immagino ogni casa abbia la sua versione, questa e' quella di casa mia.

Ingredienti (per un pollo di un kg e mezzo circa)
300 g polpa di vitellone
300 g polpa di maiale
300 g di carne di pollo (che prenderete dal pollo iniziale)
una manciata di pistacchi (al naturale)
50 g circa di prosciutto in una unica fetta
50 g lardo in una unica fetta.
cipolla, carota e sedano per la cottura.

Per il brodo per la gelatina:
odori (carota, cipolla, sedano)
un chiodo di garofano
un paio di foglie di alloro
un paio di spicchi di aglio.
la carcassa del pollo, ali, piu pezzi necessari a fare gelatinizzare il brodo se non volete ricorrere alla gelatina, oppure gelatina in fogli qb

Galantina: se il macellaio vi disossa il pollo lasciandolo intero, meglio, altrimenti potete fare da voi. Se siete scarsi come me lo disosserete incidendolo sulla schiena, il che richiede poi di ricucire il tutto. Ricavare la polpa di pollo necessaria partendo dal petto, e se non bastasse utilizzate anche la carne dei sopracoscia.

Macinate insieme i tre tipi di carne, conditeli con sale e pepe, e aggiungetevi i pistacchi che avrete spellato dopo una rapida sbollentatura in acqua. Tagliate il prosciutto ed il lardo a listarelle, e farcite il pollo: aperto davanti a voi, mettete prima uno strato di macinato/pistacchi, poi le listarelle di lardo e prosciutto, poi ancora il macinato/pistacchi. Richiudete il pollo ricucendo tutte le aperture; avvolgete la galantina abbastanza strettamente in uno strofinaccio pulito (ovviamente lavato senza ammorbidente - in dubbio, farlo bollire per qualche minuto), e legate per bene - questo e' importante per evitare che la pelle del pollo si spacchi in cottura, o peggio che si stacchino ali e cosce.

Mettere in una casseruola con l'acqua fredda e gli odori ricoprendo per bene con acqua. Se avete salato bene il macinato non mettete sale. Fate cuocere fino a quando l'acqua non freme, e cuocere per 1 ora e mezza- due ore e mezza (dipende dalla grandezza del pollo) da quando comincia a bollire - tenete l'ebollizione molto leggera.

Una volta terminata la cottura, tirate fuori il "pacco" e mettetelo a raffreddare, ancora avvolto nello strofinaccio, tra due taglieri con un peso sopra (un paio di elenchi del telefono, ad esempio): questo serve per far "compattare" il salsiccione, e lo strofinaccio va lasciato per evitare che altrimenti la pelle del pollo si laceri sotto il peso. Una volta raffreddatasi la galantina, levate lo strofinaccio con cautela. Dovreste ritrovare il vostro pollo ben in forma e senza lacerazioni nella pelle.

cotta.JPG
cotta.JPG (288.88 KiB) Osservato 18016 volte


continua...
salutistagolosa
 
Messaggi: 6482
Iscritto il: 13/08/2004, 19:37
Località: Fife, Scozia

Ti è stata utile questa discussione? Allora puoi ringraziarci condividendola sulle tue pagine social

In questo modo, ci aiuterai ad aumentare la popolarità di gennarino.org! Grazie! Condividi su Facebook

Re: Galantina di pollo con gelatina

Messaggioda salutistagolosa » 01/01/2011, 17:24

Gelatina: aggiungere tutti gli ingredienti del brodo all'acqua di cottura della galantina, che avrete quantomeno sommariamente sgrassato. Per aumentare il colore ambrato, potete fare arrostire le sezioni della cipolla tagliata a meta' (oppure mia nonna aggiungeva un tocco di caramello, mio padre un tocco di marsala)

Riportate ad ebollizione, schiumate, ed insomma procedete come al solito per fare un buon brodo. Terminato il brodo, filtratelo attraverso un telo su un colino a maglia fitta, e lasciatelo raffreddare.

Una volta ben freddo, sgrassatelo. A questo punto pero' va chiarificato. Qui ho utilizzato la tecnica poco convenzionale di mio padre: e' l'opposto della classica tecnica con gli albumi, eppure il brodo viene chiarissimo. Funziona cosi': si aggiungono le chiare crude al brodo freddo, si mette sul fuoco e si comincia a mescolare con una frusta. Si continua a mescolare leggermente fino a quando il brodo non raggiunge l'ebollizione, e si lascia bollire per un 4-5 minuti, sempre mescolando. A questo punto si spegne, si aggiunge l'eventuale gelatina facendola sciogliere bene, e si filtra di nuovo attraverso il solito telo pulitissimo su colino a maglia fine: eccovi la differenza del brodo prima e dopo questa chiarificazione (tanto per cambiare le mie foto non sono un gran che e il colore e' un po' falsato, pero' la trasparenza si dovrebbe vedere):
brodo.JPG
brodo.JPG (147.48 KiB) Osservato 18014 volte

Assaggiate il brodo filtrato, aggiustatelo di sale (ce ne sara' unpo' dalla cottura della galantina, rilasciata dal ripieno) e mettetelo in uno stampo, lasciandolo raffreddare fino a quando la gelatina non si sara' solidificata.
Tanto per cambiare, la foto non e' un gran che :cry:
brodo.JPG
brodo.JPG (147.48 KiB) Osservato 18014 volte
Allegati
gelatina.JPG
gelatina.JPG (131.16 KiB) Osservato 17940 volte
salutistagolosa
 
Messaggi: 6482
Iscritto il: 13/08/2004, 19:37
Località: Fife, Scozia

Re: Galantina di pollo con gelatina

Messaggioda TeresaDeMasi » 06/01/2011, 21:03

Mai fatto un pollo ripieno, mai dissossato un pollo. Mi sembra un'impresa titanica... :-)
Vi è piaciuto quello che avete letto? Se vi va, potete ringraziarci aiutandoci a crescere condividendo questo post nelle vostre bacheche. Grazie a chiunque deciderà di farlo.
Il mio blog: http://www.scattigolosi.com
Avatar utente
TeresaDeMasi
Site Admin
 
Messaggi: 25519
Iscritto il: 02/05/2002, 20:14
Località: Formigine (MO)

Re: Galantina di pollo con gelatina

Messaggioda salutistagolosa » 06/01/2011, 22:01

TeresaGennarino ha scritto:Mai fatto un pollo ripieno, mai dissossato un pollo. Mi sembra un'impresa titanica... :-)

ti assicuro che e' assolutamente fattibile: per disossare il pollo Pepin impiega 10 minuti, noi comuni mortali lo facciamo in 30.
Poi una volta che il pollo ce lo hai aperto davanti, se non te la senti di legarlo (io non me la sono sentita, immaginavo gia' il ripieno che partiva da tutte le parti), semplicemente lo cuci - ma se sono stata in grado io... :grin:

Se ben ricordo, da quando ho cominciato a disossare il pollo a quando ho messo a cuocere la galantina e' passata un'ora e mezza.
Una cosa che ho scordato di dire e' che il tutto (galantina e gelatina) andrebbe preparato il giorno prima.
La galantina si affetta molto meglio da fredda, e ovviamente si puo' congelare. Queste sono fette (piu' sottili) tagliate a freddo (rispetto alla prima foto in alto)
galantinafette.JPG
galantinafette.JPG (95.78 KiB) Osservato 17938 volte
salutistagolosa
 
Messaggi: 6482
Iscritto il: 13/08/2004, 19:37
Località: Fife, Scozia

Re: Galantina di pollo con gelatina

Messaggioda salutistagolosa » 10/12/2012, 23:14

riporto su - a casa mia questa e' un punto fermo del pranzo di Santo Stefano - un po' elaborata, ma vale la pena!
salutistagolosa
 
Messaggi: 6482
Iscritto il: 13/08/2004, 19:37
Località: Fife, Scozia

Re: Galantina di pollo con gelatina

Messaggioda anthonyb » 12/12/2012, 16:28

bella.. scusa la domanda ma la mangiate come secondo o antipasto ?
anthonyb
 
Messaggi: 138
Iscritto il: 27/09/2010, 17:01
Località: NA

Re: Galantina di pollo con gelatina

Messaggioda salutistagolosa » 12/12/2012, 17:06

anthonyb ha scritto:bella.. scusa la domanda ma la mangiate come secondo o antipasto ?

come secondo, e' abbastanza sostanziosa (ci accompagnamo anche, oltre alla gelatina, una insalata russa).
salutistagolosa
 
Messaggi: 6482
Iscritto il: 13/08/2004, 19:37
Località: Fife, Scozia

Re: Galantina di pollo con gelatina

Messaggioda sdonk » 06/02/2013, 12:05

La gelatina come si mangia?
Sopra al pollo?
Pensavo di provarlo con una parte del pollo, tipo ballotine, altrimenti mi dura un mese.

salutistagolosa ha scritto:ti assicuro che e' assolutamente fattibile: per disossare il pollo Pepin impiega 10 minuti, noi comuni mortali lo facciamo in 30.


Ripubblico questo video esplicativo

E' vero che ci mette 10 minuti, ma dice che lo si dovrebbe fare in uno :grin:
Olio extravergine d'oliva pugliese
www.fontanadelcavallo.com
Avatar utente
sdonk
Santo Subito!!!
 
Messaggi: 4469
Iscritto il: 07/10/2005, 19:24
Località: Londinium

Re: Galantina di pollo con gelatina

Messaggioda salutistagolosa » 06/02/2013, 12:22

sdonk ha scritto:La gelatina come si mangia?
Sopra al pollo?

ti viene della consistenza di un budino per dire, io la metto in fette a lato (oppure se vuoi fare lo chic fai delle gelatine in monoporzione). Mio padre fa anche cosi@ mette dei pezzi di gelatina in un tovagliolo (pulito, senza ammorbidente: nel dubbio fallo bollire), richiude il tovagliolo e lo strapazza - quando riapri la gelatina e' tutta in pezzetti, che puoi servire sopra alle fette di galantina.
salutistagolosa
 
Messaggi: 6482
Iscritto il: 13/08/2004, 19:37
Località: Fife, Scozia

Re: Galantina di pollo con gelatina

Messaggioda steart » 08/02/2013, 9:49

- per una versione semplificata, per chi possa interessare, riporto una ricetta dal vecchissimo foro di Cucina Italiana (penso che si parli di una quindicina di anni fa), ricetta di Vittoria, che mi ricordo competente e brava. IO non l'ho mai provata, ma la procedura mi sembra molto interessante:

"... RIFREDDO di Vittoria
Mi è stata richiesta da più parti la ricetta del "rifreddo di Venezia". In realtà non e' che la semplificazione di una vecchia ricetta tradizionale, molto popolare a Bologna, "il pollo in galantina", che era tipica nei pranzi cosiddetti di riguardo, tiepida o fredda, con la gelatina per tenerla morbida.
In casa mia disossavano il pollo, poi soffriggevano la carne (il pollo, il lombo), la passavano al tritatutto, aggiungevano l'uovo sodo, i filetti di carota per la "bellavista", al trito aggiungevano il tartufo, e poi ficcavano il composto dentro alla pelle di pollo cucita con il filo, dando la forma di un salame. Poi si bolliva il salame, avvolto in una pezza di tela, in un brodo di ossa di pollo ed odori. Ma io semplifico così.
Pollo a pezzi, circa 600-700gr, me lo faccio macinare dal macellaio di fiducia (orrore per le antiche cuoche!), una fetta di vitello da 100gr circa (opzionale, aumentate eventualmente un po' gli altri ingredienti, secondo il gusto, me lo faccio macinare dal macellaio di fiducia), lombo di maiale, circa 200gr., prosciutto crudo, circa 100gr., prosciutto cotto, circa 100gr, mortadella, circa 100-120. Mi faccio macinare il tutto dal salumiere, il quale naturalmente metterebbe un po' di più di mortadella e salterebbe il vitello).
Parmigiano, almeno 50 gr., ma credo dimetterne di più, vado un po' ad occhio. un uovo per legare. Sale, pepe, un poco di noce moscata (opzionale). Faccio una specie di polpettone, senza pangrattato; se necessario, aggiungo parmigiano.
Io ho aggiunto anche dei pistacchi sbollentati e tritati.
Ho avvolto il tutto nella carta da forno, l'ho bollito in un "brodo matto", courtbouillon, e l'ho fatto raffreddare sotto un peso.
Una preparazione più accurata vorrebbe che i pezzi di carne venissero prima rosolati , e poi passati. Al macinato si possono aggiungere -per la tavola lo faccio spesso- pezzi di petto di pollo o tacchino tagliati a bastoncini...."
- stefano
steart
 
Messaggi: 364
Iscritto il: 17/12/2012, 17:42


Torna a Tradizioni in Cucina

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti

by Scatti Golosi

La redazione di questo forum è costituita anche da diversi blog che ne condividono il progetto, e cioè:
buzzoole code