TOP

La ricetta delle Manfredine al pesto di fave, cacio e guanciale



pesto di fave

Partiamo da una confessione: questa ricetta delle Manfredine al pesto di fave, cacio e guanciale non doveva essere così. Anzi, per dirla tutta, non dovevano essere manco Manfredine ma Fusillata Casareccia e la ricetta doveva essere questa. Solo che al momento di preparare mi sono accorta che non avevo in casa la Fusillata ma altri formati e il più adatto mi sono sembrate le Manfredine. Poi, però, mentre sgusciavo le fave ho iniziato ad assaggiarle e mi è tornato in mente che io le fave le preferisco decisamente più crude che cotte e che con la pasta mi piace molto il pesto di fave. Per cui ho deciso: niente crema di fave, tutto a crudo. E ho preparato il mio piatto così (facendo anche molto in fretta rispetto all’idea originale.

La ricetta delle Manfredine al pesto di fave, cacio e guanciale

Ingredienti 
Mezzo kg di Manfredine di Gragnano IGP Pasta di Martino
600 gr di fave fresche
100 gr di guanciale
75 gr di pecorino grattugiato
pepe nero 
olio extravergine di oliva
sale fino e grosso
Pepe nero

Procedimento
Preparare, anche in anticipo, il pesto di fave pestando – o frullando insieme con un minipimer – le fave sbucciate e il pecorino grattugiato, ricordando di tenere da parte qualche fava piccola e tenera per decorare il piatto.

 

pesto di fave

Cuocete la pasta in acqua poco abbondante e non troppo salata.

pesto di fave

Scaldate un po’ d’olio in un’ampia padella e aggiungetevi il guanciale tagliato a dadini. fatelo andare a fuoco vivace per alcuni minuti bagnando con un po’ di acqua di cottura della pasta. Cuocete fino a quando l’acqua non sia evaporata e il guanciale non sia divenuto ben croccante: a questo punto, scolatelo tenendolo  in caldo. 

pesto di fave

Una volta che la pasta sia bene al dente, scolatela e passatela nella padella in cui avete cotto il guanciale. Mantecatela vigorosamente con il fondo di cottura rimasto nella padella, aggiungendo acqua di cottura della pasta, fino a quando il grasso del guanciale non avrà avvolto bene la pasta. A questo punto, spegnete e aggiungete il pesto di fave  e il pepe nero macinato al momento.

pesto di fave

Servite decorando il piatto con il guanciale e qualche fava cruda di quelle tenute da parte.

pesto di faveAllora, vi è piaciuto quello che abbiamo scritto? Se sì, condividetelo nei vostri social… ci renderete felici!
E se avete bisogno di aiuto, ricordatevi che la pagina Facebook Scatti Golosi e Gennarino.org è a vostra disposizione: scriveteci un messaggio nella pagina e vi aiuteremo prima possibile!
Grazie a tutti!

Teresa De Masi

Perché anche in cucina non si smette mai di imparare, di crescere e - soprattutto - di meravigliarsi.

«

»

what do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.