TOP

Brodetto di pannocchie (cannocchie) con spaghetti spezzati



brodetto di cannocchie[/caption]

L’idea di questo piatto – preparato da Antonia – viene da una ricetta pubblicata dalla rivista alice cucina, ma completamente modificata nell’esecuzione. La ricetta originale prevede una cottura molto lunga delle pannocchie mentre  i crostacei  sono cotti solo per pochi minuti. Il risultato è sorprendente per l’intensità del sapore e consiglio di provarlo ora che facilmente si trovano le pannocchie.

Ingredienti per 2 persone
160 g di spaghetti
100 g di pomodorini datterino
300 ml di acqua
3-400 g di pannocchie freschissime
1 spicchio d’aglio
1 ciuffo di prezzemolo
olio evo, sale e pepe q.b.
Procedimento
Lavate le pannocchie e incidetele con le forbici lungo il dorso dalla coda verso la testa, tenete da parte.
Sbollentate i datterini, pelateli e privateli dei semi.
In una pentola versate l’acqua, i pomodorini a pezzetti, lo spicchio d’aglio e l’olio e fate cuocere per una decina di minuti. Unite le pannocchie e spegnete dopo 2-3′.
Con una schiumarola tirate fuori dalla pentola le pannocchie e con l’aiuto di un cucchiaino estraete la polpa.
Colate e filtrate il sugo di cottura delle pannocchie, rimettetelo in pentola e aggiungete la polpa dei crostacei senza buttare i carapaci. Con lo schiacciapatate schiacciate tutti i gusci recuperando il sugo e unitelo a quello nella pentola, regolate di sale.
Fate bollire il brodetto e versate gli spaghetti spezzettati e cuoceteli per il tempo necessario.
Completate con prezzemolo tritato e pepe.

Qui, la discussione nel forum. Dove, qualora ne abbiate bisogno, potete anche chiedere aiuto. Allora, vi è piaciuto quello che abbiamo scritto? Se sì, condividetelo nei vostri social… ci renderete felici!
E se avete bisogno di aiuto, ricordatevi che la pagina Facebook Scatti Golosi e Gennarino.org è a vostra disposizione: scriveteci un messaggio nella pagina e vi aiuteremo prima possibile!
Grazie a tutti!

Teresa De Masi

Perché anche in cucina non si smette mai di imparare, di crescere e - soprattutto - di meravigliarsi.

«

»