Gennarino.org ringrazia tutti gli utenti che hanno dato fiducia al nostro progetto per quasi 20 anni, e che, grazie al grande lavoro fatto da tutto lo Staff (rigorosamente a titolo gratuito), hanno portato il forum a diventare uno dei principali punto di riferimento degli appassionati di cucina del web italiano.
Purtroppo, causa motivi personali, non ho più modo di gestirlo e portarlo avanti. Il forum viene ora posto in uno stato di sola lettura: un archivio storico che permetta a chiunque di fruire di tutte le discussioni trattate.

*Polpo con crema di scarole e patate alla colatura di alici

Forum dedicato all'inserimento delle ricette
Regole del forum
Prima di cominciare a scrivere messaggi in questo forum, vi consigliamo di seguirlo silenziosamente (continua)

*Polpo con crema di scarole e patate alla colatura di alici

Messaggioda TeresaDeMasi » 28/01/2013, 13:57

Polpo con crema di scarole e patate alla colatura di alici.jpg
Polpo con crema di scarole e patate alla colatura di alici.jpg (204.57 KiB) Osservato 2534 volte


Gli ingredienti:
Un polpo verace,
due cespi di indivia (scarola)
colatura di alici
2 patate lesse, di medie dimensioni
Olio e.v.o.
aglio
sedano, carota e cipolla per bollire il polpo
sale grosso (io lo macino al momento, in modo da ottenere una dimensione intermedia tra sale grosso e sale fino.

Innanzitutto il polpo. Come si fa a capire che sia verace si sa: doppia fila di ventose lungo i tentacoli. Poi, se avete la fortuna di trovarlo fresco a buon prezzo - capita, di rado ma capita, anche qui in pianura Padana - approfittatene. Altrimenti, andate pure di congelato: per questo tipo di preparazione la congelazione aiuta regalando morbidezza. La preparazione di questo, poi, non è affatto difficile: occorre solo avere tempo per far raffreddare il polpo nella sua acqua (altrimenti si seccherebbe, diventando duro). Si mette quindi sul fuoco una pentola piena di acqua, vi si immergono le verdure e si porta a bollore. Non appena l'acqua bolle, si cala il polpo per tre o quattro volte (in questo modo si arricceranno i tentacoli, cosa che esteticamente mi piace molto) e lo si immerge. Poi, si lascia cuocere per un tempo variabile a seconda delle dimensioni del polpo: bisogna stare attenti a non cuocerlo troppo, altrimenti scuocerebbe durante il raffreddamento. Meglio quindi controllare infilzandolo con una forchetta: questa deve penetrare incontrando ancora una buona resistenza. A questo punto potete spegnere e far raffreddare: al momento di tagliarlo sarà perfetto.


Intanto, potete preparare la crema di verdura. Innanzitutto riducetela in foglie e poi lavatela. Poi sbollentatela velocemente (un minuto in acqua bollente, al massimo due: non di più. Serve a togliere l'amaro), scolatela - tenendo da parte un po' di acqua di cottura - e mettetela a raffreddare in acqua in cui avrete immerso una ventina di cubetti di ghiaccio. Questo è un passaggio non necessario, dal punto di vista del sapore: serve a preservare il colore della verdura, mantenendo un verde vivace, non marroncino insomma, anche dopo che avrete l'avrete soffritta. Una volta fredda, gocciolatela e soffriggetela a fuoco dolce in olio in cui avrete fatto soffriggere un paio di spicchi di aglio. Una sola raccomandazione: il fuoco deve essere dolce, la temperatura bassa: non bisogna fare un vero e proprio soffritto, piuttosto bisogna "ammorbidire" la verdura nell'olio caldo (in modo da regalare morbidezza alla crema). Lasciate raffreddare , passate l'indivia al minipimer insieme ad una tazzina dell'acqua di bollitura e poi passatela a chinoise in modo da avere una crema morbida e setosa.

Ora, tutto e pronto. Il piatto viene preparato al momento di servire: un paio di cucchiaiate di crema di verdura sul fondo di un piatto, due tre fettine di patata e - sopra - il polpo tagliato a pezzetti. Per rifinire, un giro di colatura di alici (solo sulla crema di verdura) e uno di olio.
Ultima modifica di TeresaDeMasi il 08/02/2013, 16:26, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: ricetta inserita qui: http://gennarino.org/wordpress/polpo-con-crema-di-scarole-e-patate-alla-colatura-di-alici/
Vi è piaciuto quello che avete letto? Se vi va, potete ringraziarci aiutandoci a crescere condividendo questo post nelle vostre bacheche. Grazie a chiunque deciderà di farlo.
Il mio blog: http://www.scattigolosi.com
Avatar utente
TeresaDeMasi
Site Admin
 
Messaggi: 25519
Iscritto il: 02/05/2002, 20:14
Località: Formigine (MO)

Ti è stata utile questa discussione? Allora puoi ringraziarci condividendola sulle tue pagine social

In questo modo, ci aiuterai ad aumentare la popolarità di gennarino.org! Grazie! Condividi su Facebook

Re: Polpo con crema di scarole e patate alla colatura di ali

Messaggioda caris » 29/01/2013, 9:30

bellissimo piatto teresa. Ascolta, di recente ho cucinato una scarola e per cuocerla l'ho messa direttamente in padella, senza sbollentarla. Non è riusltata amara...dipende dalla qualità che trovo qui? voglio dire che la qualità migliore è quella più amara e la posso trovare a Napoli?
http://www.cookingplanner.it

stat rosa pristina nomine nomina nuda tenemus
Avatar utente
caris
 
Messaggi: 1533
Iscritto il: 19/07/2009, 22:21
Località: Roma

Re: Polpo con crema di scarole e patate alla colatura di ali

Messaggioda TeresaDeMasi » 29/01/2013, 10:12

caris ha scritto:bellissimo piatto teresa. Ascolta, di recente ho cucinato una scarola e per cuocerla l'ho messa direttamente in padella, senza sbollentarla. Non è riusltata amara...dipende dalla qualità che trovo qui? voglio dire che la qualità migliore è quella più amara e la posso trovare a Napoli?


Dipende dalla qualità, appunto. Ma in ogni caso, il sapore cambia:e allora bisogna scegliere come procedere in base al piatto che si vuol fare. Una preparazione rustica, secondo me, si sposa benissimo con un sapore rustico. E allora vai di ripasso, senza sbollentatura. Un accostamento delicato, invece, come il polpo, richiede una delicatezza maggiore. Se poi riduci in crema, hai un problema in più: mantenere un colore verde brillante (che le cremine marroncine non invogliano nessuno :D ). E allora diventa essenziale non solo sbianchire ma raffreddare in ghiaccio. :)
Vi è piaciuto quello che avete letto? Se vi va, potete ringraziarci aiutandoci a crescere condividendo questo post nelle vostre bacheche. Grazie a chiunque deciderà di farlo.
Il mio blog: http://www.scattigolosi.com
Avatar utente
TeresaDeMasi
Site Admin
 
Messaggi: 25519
Iscritto il: 02/05/2002, 20:14
Località: Formigine (MO)


Torna a Ricette

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti

by Scatti Golosi

La redazione di questo forum è costituita anche da diversi blog che ne condividono il progetto, e cioè:
buzzoole code